Vacanze in Sardegna: le attrazioni da non perdere

La Sardegna è giustamente considerata un vero e proprio paradiso ed una delle realtà che tutti dovrebbero visitare almeno una volta nella vita, non limitandosi però ad una vacanza fatta solo di spiaggia e di mare. Quest'isola infatti ha tantissimo da offrire sotto tutti i punti di vista: quello naturalistico, quello storico e quello culturale. Ma quali sono le attrazioni da non perdere in Sardegna nel corso di una vacanza?

Sicuramente il primo luogo da cui partire per scoprire quelle che sono le attrazioni imperdibili della Sardegna, come riporta il portale per la prenotazioni di navi e traghetti per l'isola sarda, potrebbe essere la Giara, che si trova nella parte centro-sud dell'isola e che è nota in tutto il mondo per il fatto di ospitare una specie assai rara nel Vecchio Continente, ovvero quella di cavallini selvatici che non a caso sono chimaati "Cavallini della Giara". Inoltre qui vi è un parco naturale molto bello, dove a farla da padrona è la macchia mediterranea. Inoltre questa zona è molto importante anche da un punto di vista archeologico, visto che qui si trova il famoso nuraghe di Barumini, che dal 1997 è entrato a far parte del Patrimonio Unesco. Quando si parla della Sardegna e delle sue bellezze, ovviamente non ci si può esimere dal ricordare l'Arcipelago della Maddalena, che è composto da 7 isole. Anche questa oasia naturale fa parte del Patrimonio Unesco e quando si avrà modo di vederlo non si farà fatica a comprenderne il motivo. Al di là delle acque cristalline che sono ogni anno meta degli appassionati di snorkeling, questa zona è perfetta per delle escursioni in mezzo alla natura.

Inizialmente si è detto che una vacanza in Sardegna non può essere soltanto spiaggia e mare. Questo discorso però non significa che si debba perdere la possibilità di vedere e vivere la splendida spiaggia di Chia, la quale è nota in tutto il mondo per la sua sabbia finissima e che sembra quasi tropicale, così come per le sue acque cristallne. Nei pressi di Chia si ha anche la possibilità di visitare l'area archeologica di Nora, che risale all'epoca punica. Continuando a parlare delle bellezze naturali, che come si può intuire sono uno dei maggiori punti di forza dell'isola, non si può non citare il Golfo di Orosei: ubicato nella zona centro-orientale dell'isola, deve la sua fama alle Grotte del Bue Marino, altra splendida oasi naturale, oltre che per alcune località dove si potranno assaggiare tipici prodotti sardi.

Un viaggio in Sardegna

Un viaggio alla scoperta della Sardegna non può ovviamente che includere anche le sue città più importanti. Una di queste è senza dubbio Alghero: questa realtà si trova nella zona nord-occidentale dell'isola ed ancora oggi sono ben presenti i segni del suo passato Catalano, a partire dal dialetto che vi si parla. I punti di interesse sono diversi e tra i tanti si può citare il centro storico, dove si trovano monumenti interessanti come ad esempio la Cattedrale di Santa Maria e il Museo del Corallo. Prima di andare alla scoperta di Cagliari, per quanto riguarda le città che si trovano in Sardegna, vale la pena fermarsi a Bosa, realtà davvero affascinante e non solo perchè sorta su un fiume. Molto bello è il centro storico, dove spiccano delle case di tanti colori che donano alla città un fascino davvero particolare. Da vedere è anche il Castello dei Malaspina, il quale è visibile da un ponte che è considerato tra i 30 più belli d'Italia nonostante il non troppo originale nome di Ponte Vecchio di Bosa. Prima di arrivare a Cagliari, perchè non sostare alle Grotte di Nettuno, che sono considerate giustamente le più importanti di tutta la Sardegna? Per farlo bisogna tornare ad Alghero, se non si è avuto il tempo di visitarle mentre si era in città: la loro estensone è di circa 6 km e sono il risultato di milioni di anni di azione da parte delle acque.

Come ampiamente detto in precedenza., tra le realtà imperdibili della Sardegna vi è ovviamente anche Cagliari: la scoperta del capoluogo di regione potrebbe iniziare da Castello, che è il quartiere medioevale di Cagliari e si trova su una collina da cui si domina la città. Molto interessanti sono anche il Bastione di San Remy, considerato il simbolo di Cagliari, ed il Museo Archeologico Nazionale, che da un punto di vista culturale è un vanto non soltanto per la città di Cagliari, ma in generale per tutta la Sardegna.

Ovviamente non può mancare una visita al porto cittadino, così come alla Basilica di Nostra Signora di Bonaria. Per chi invece ama l'antichità va segnalata la possibilità di ammirare l'Anfiteatro romano. Successivamente vale la pena fare una lunga passeggiata al Poetto, la spiaggia di Cagliari che si estende per poco meno di 10 km. Infine, prima di fare ritorno alla quotidianità d tutti i giorni, bisogna trovare del tempo per visitare anche Castelsardo: questo borgo è uno dei pià belli di tutta l'Italia e non a caso è sempre presente nelle classifiche delle località di questo tipo che vale la pena visitare almeno una volta nella vita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi